RSS

Archivio mensile:marzo 2011

Dumping Art

Tra le pagine delle riviste capita alle volte di imbattersi in riferimenti quasi casuali a siti internet di un determinato genere. Visitando lo stesso link può poi capitare che quello stesso ti apra un mondo. Così come mi era già accaduto con il sito ioricreo.org, di cui ho accennato in un altro post, di nuovo sono rimasto colpito.

Questa volta non si tratta di riciclo fatto come hobby o per semplice voglia di dare una mano, ma di opere d’arte. Sto parlando dell’artelier di Genova, che potete trovare su http://www.arteliergenova.eu/home.html, con una sezione dedicata ad una biennale sulla Dumping Art. Nella home page é anche possibile consultare il catalogo della precedente edizione.

Personalmente ho trovato fantastico il Toro creato con i copertoni. Oltre ad essere esteticamente evocativo, tratta un materiale che da sempre é una spina nel fianco del riciclo. Prometto di informarmi meglio sull’attuale situazione del riciclo della gomma vulcanica, ma una rapida ricerca in un libro sulle invenzioni dell’uomo rende chiaro come questo materiale sia stato creato con l’apposito intento di essere notevolmente duro a morire…

Se qualcuno ne sapesse di più, mi scriva!

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 28, 2011 in Internet Links

 

KeyBag

Riciclare le tastiere usate? O almeno uina parte? Una fantastica idea arriva dal designer portoghese Joao Sabino, che con i tasti delle tastiere ha creato questa meraviglia:

A quanto pare é stata presentata a diversi saloni di moda,

Il sito di riferimento é http://joaosabino.pt/ dove la si può trovare in vendita nei colori Nero, Rosso, Rosa e Bianco, con tanto di prezzi.

A.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 23, 2011 in Plastica

 

Con tutta l’energia possibile

Le discussioni sui problemi energetici sembrano ormai essere di moda. Tuttaltro che un male (da tempo speravo che argomenti più interessanti prendessero piede al posto del calcio e della politica), fino a quando il tutto non si trasforma in un teleofno senza fili…

Ciò che accade infatti é che le fonti di informazione sono molteplici e spesso prove di fonti, le riviste e i telegiornali etstraggono le notizie dal loro contesto e contribuiscono ad aumentare la confusione su quale é la realtà attuale mondiale sulle forme energetiche.

Sebbene vi siano diversi titoli interessanti in libreria, oggi vi propongo un libro che sto personalmente leggendo: “Con tutta l’energia possibile” di Leonardo Maugeri. Un interessante escursus quanto più oggettivo possibile sulla situazione (nel 2006) delle diverse fonti energetiche: cosa sono, da dove arrivano, i problemi, i vantaggi e un’ipotesi sul loro futuro.

Dal 2006 la situazione non é molto cambiata, percui trovo che sia abbastanza attuale. Ma non dico di più, percui buona lettura!

Like this on Facebook

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 21, 2011 in Libri Consigliati

 

Ecolampada CD

Oggi vi propongo una nuova categoria di riutilizzi: Il CD rom. Avendo il fondo riflettente si prestano alla creazione di oggetti con abbinate lampadine e altre forme di luce.

Eccovene una:

Cosa ci serve:

  1. Un buon numero di CD. Alcune “ricette” viste in giro ne richiedono 48, ma in realtà possiamo usarne anche di  più, basta che siano in numero pari. Incolliamo a due a due i cd dalla parte della faccia (quella in cui ci sono i titoli per intenderci).
  2. Procuriamoci un bel po’ di rondelle o anelli distanziali di plastica, che inseriremo tra una coppia di cd e l’altra.
  3. Tre bulloni lunghi e sei dadi da bullone.
  4. Tre piedini di gomma o altro materiale per fare la base della lampada.
  5. Un tubo al neon che passi nel foro centrale dei Cd, più tutti i relativi contatti elettrici.

La costruzione della struttura portante é semplice e intuitiva, guardando la foto. Dop aver incollato i cd a coppie, foriamo ogni coppia con una punta di trapano per metallo, in modo da creare il passaggio per i tre bulloni. Inseriamo le coppie dei cd nei bulloni distanziando ognuna con le rondelle o i distanziali di gomma.

Una volta inseriti tutti chiudiamo sopra e sotto con i dadi, montiamo la base. (possono essere dei piedini in gomma, o una base qualsiasi. Io la sto studiando in legno).

Facciamo passare il tubo al neon in mezzo al buco centrale e fissiamolo alla base.

Like this on Facebook

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 21, 2011 in CD e DVD

 

Pneumatico in Vaso

Vi segnalo questo bel modo di riutilizzare un pneumatico esausto, compresi cerchione, per trasformarlo in un vaso.  :

http://www.compagniadelgiardinaggio.it/phpBB2/viewtopic.php?t=3357

Un altro modo originale l’ho visto a casa di un amico:

1. Tagliate un pneumatico vuoto (Senza il cerchine in ferro), a metà, trasformandolo in un semicerchio. Potete farlo comodamente con una sega o un flessibile.

2.Ripulitelo con acqua e detersivo, poi passate della carta abrasiva leggera, per togliergli grumi e altro. Fate dei fori nella parte bassa per il filtraggio dell’acqua in eccesso.

3. Scegliete un colore, comprare una bomboletta di vernice spray e colorate completamente il copertone. Mettete nella parte interna del materiale isolante, perché la terra che metteremo non venga a contatto con la vernice.

4. Riempite di terra e seminate ciò che volete.

Prossimamente metterò la foto!

Andrea

 
1 Commento

Pubblicato da su marzo 16, 2011 in Gomma

 

Un anno a impatto Zero

Se parliamo di tematiche ambientali e gestione dei rifiuti, non posso che consigliarvi caldamente questo fantastico libro scritto da Colin Beavan : “Un anno a impatto Zero (Cairo Editore)“.

Quella che viene raccontata nel libro é “l’avventura”  per cui l autore stesso balzò alle cronache dei giornali nel 2006, quando decise di vivere per un anno intero azzerando il suo impatto sull’ambiente. Insomma, niente produzione di rifiuti o spreco di energia!

Se a questo ci aggiungiamo che assieme a lui c’é una moglie, un neonato e un cane, e che vivono nientemeno che a New York (patria madre del consumismo sfrenato..) il mix é veramente avvincente e per certi versi ha dell’incredibile. Sicuramente fa riflettere.

Personalmente l’ho letto due volte, é un libro dinamico e fluido, per molti versi molto ironico e divertente. Potrete trovare una buona recensione più esaustiva qui : http://www.ecoblog.it/post/10603/un-anno-a-impatto-zero-uscito-in-italia-il-libro-di-colin-beavan

Buona lettura!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 16, 2011 in Libri Consigliati

 

Tappo Sigilla Sacchetti

Due degli oggetti che comunement buttiamo via più spesso e potrebbero essere riutilizzati per parecchio tempo sono :

I sacchettini di plastica per surgelare
Le bottiglie di plastica

uno splendido consiglio per riutilizzarli entrambi in una volta sola é quella che trovate a questo link:

http://www.ioricreo.org/2011/03/tappo-sigilla-sacchetti/

E’ un’idea ormai discretamente usata in giro e molto funzionale. Ricordiamo questi oggetti sono creati appositamente per durare e che la vita di un comune pezzo di plastica per alimenti abbandonato nell’ambiente, anche esposta a elementi quali il vento, il sole o l’acqua salata, arriva ad essere di diverse centinaia di anni!!!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 15, 2011 in Plastica